Hosting, cos’è di preciso? Il significato di Web Hosting rivelato a tutti!

Capire il significato di web hosting, come funziona e come scegliere quello più adatto alle tue esigenze: ecco una guida che scioglierà tutti i tuoi dubbi.
hosting

Dopo diverse riflessioni hai finalmente deciso che avere un tuo sito è un’ottima idea per permettere al mondo di raggiungerti. Quando interroghi Google per capire cosa devi fare, inizi però a imbatterti in parole come Hosting, Provider, Server, Register, Dominio, Dns e altre sigle e termini, tanto cari agli informatici quanto oscuri a te.

Cosa significa Web Hosting

Per natura, agli informatici piace usare paroloni complessi che rendono l’idea del Web molto astratta. Dietro a questi termini in realtà si nascondono concetti concreti e funzionali che proverò a schematizzare mediante la metafora della casa.

Ma andiamo per ordine: ogni sito o applicazione web non è altro che un insieme di file e di un database. 

Immaginiamo il nostro sito come una casa: l’Hosting, come dice la parola stessa, è l’appezzamento di terra, lo spazio fisico, che la ospiterà. Un servizio di hosting è un servizio online che consente quindi di allocare il proprio sito nel World Wide Web, ovvero il grande mondo di Internet. Il primo passo da compiere sarà quindi “affittare” uno spazio su un server tramite un servizio di hosting.

Un server non è altro che un computer fisico che funziona senza interruzioni in modo che il tuo sito sia sempre disponibile per chiunque voglia accedervi. Il tuo host web, il tuo locatore, ha la responsabilità di mantenere il server attivo e funzionante, proteggerlo da attacchi dannosi e trasferire i tuoi contenuti (testo, immagini, file) dal server ai browser dei tuoi visitatori.

Come funziona l’Hosting e che differenza c’è con il Dominio

Proseguiamo con la metafora della casa: il dominio di un sito web è l’indirizzo che consente all’utente di raggiungerti. Ad esempio, il nostro dominio è instilla.it

Quindi, per permettere agli utenti che navigano di raggiungere il tuo sito, dovrai associare al tuo spazio nel web un indirizzo, acquistando un dominio. Molti servizi di hosting dispongono anche del servizio per l’acquisto di un dominio, ma non è necessario acquistarlo dallo stesso provider.

Ma come fa il web a sapere che instilla.it, l’indirizzo della nostra casa, si trova sul lotto di terra del server da noi scelto? La “mappatura” degli indirizzi viene costruita e gestita tramite il Domain Name System, i DNS. Quando acquisterai il tuo dominio avrai accesso a un pannello di controllo che ti permetterà di associare il tuo dominio all’IP dello spazio sul server che il servizio di Hosting ti sta affittando.

In questo modo il nome di dominio (che rimane per noi molto più facile da ricordare) viene convertito in un indirizzo comprensibile dal browser, così come l’indirizzo di casa viene convertito in coordinate geospaziali di latitudine e longitudine.

Webstite as a home

Come scegliere un Hosting Provider

Esistono diverse tipologie di hosting: prima di tutto è necessario capire qual è il piano di hosting più adatto alle tue esigenze e quindi acquistarlo. 

Il consiglio che posso darti è di iniziare con un piano a basso costo per progetti più piccoli. Quando il tuo sito cresce e hai bisogno di più spazio sul server, puoi passare a un piano più avanzato.

Gli hosting provider più diffusi mettono a disposizione un’interfaccia utente grafica che aiuta anche chi non è esperto di programmazione a gestire ogni aspetto di un sito web, come la gestione dei file ma anche dei sistemi di gestione dei contenuti come WordPress, del database e dei backup del sito.

I diversi tipi di Web Hosting

La maggior parte dei provider offre diversi tipi di hosting in modo che possano soddisfare esigenze differenti. I tipi di hosting più frequenti sono l’Hosting condiviso, l’Hosting VPS, il Cloud Hosting e il Server Dedicato.

Più grande è il tuo sito Web, più spazio sul server ti serve. Un piano di hosting condiviso è un buon approccio iniziale, per passare poi a un tipo di hosting più avanzato nel caso la propria applicazione richieda più spazio.

Hosting condiviso

L’hosting condiviso è il tipo più comune di web hosting ed è un’ottima soluzione per la maggior parte delle piccole aziende e dei blog. Con questo tipo di hosting condividi il server con altri client (ovvero i computer di altri utenti come te).  Un server condiviso ha un costo contenuto ed è semplice da usare. Inoltre le operazioni di amministrazione e manutenzione del server sono demandate al tuo hosting provider. I siti Web ospitati sullo stesso server condividono tutte le sue risorse come memoria, potenza di elaborazione e spazio su disco e questo potrebbe portare a un rallentamento del tuo sito web nel caso di picchi di traffico sui siti con cui condividi lo spazio. Se non hai bisogno di avere prestazioni ottimizzate è comunque una soluzione valida.

Insomma, l’hosting condiviso è una stanza in affitto!

Hosting VPS

Nell’hosting VPS (Virtual Private Server), condividi ancora un server con altri utenti, tuttavia il tuo provider alloca uno spazio separato per te sul server. Ciò significa che si ottiene uno spazio server dedicato e una quantità riservata di potenza e memoria di elaborazione. In effetti, l’hosting VPS può essere adatto alle medie imprese con siti Web in rapida crescita.

Grazie a questa struttura, i picchi di traffico su altri siti web non hanno alcun effetto sulle prestazioni del tuo, e hai maggior libertà di personalizzazione delle caratteristiche del tuo spazio. Rispetto a un hosting condiviso i costi sono più alti e sono richieste conoscenze tecniche maggiori.

L’Hosting VPS è un appartamento di un condominio!

Hosting Dedicato

Acquistare un Hosting Dedicato significa acquistare un server fisico dedicato esclusivamente al tuo sito, una casa tutta tua! Questo ti offre un’incredibile flessibilità, con la possibilità di configurare il tuo server come desideri: scegliere il sistema operativo e configurare l’intero ambiente di hosting in base alle tue esigenze.

Questa opzione è estremamente affidabile (non condividi le risorse del tuo server con nessuno) ma, come è facilmente intuibile, i costi sono più elevati rispetto alle precedenti soluzioni ed è necessario disporre di una conoscenza tecnica avanzata per sfruttare a pieno le risorse fornite.

Cloud Hosting

Il Cloud Hosting è attualmente la soluzione più affidabile sul mercato, in quanto non ha letteralmente tempi di inattività. Con il Cloud Hosting il tuo provider replica il tuo sito (i file e le risorse necessarie a renderlo disponibile) su un insieme di server che costituiscono appunto la “nuvola”. Quando uno dei server è occupato o presenta problemi, il traffico viene automaticamente instradato verso un altro.

Questo rende praticamente nulli i downtime, ovvero i periodi di tempo in cui il tuo sito risulterebbe irraggiungibile. Le risorse necessarie al tuo sito vengono allocate in base alla sua dimensione e al numero di visitatori che hai e per questo motivo è più difficile stimarne i costi.

Hosting WordPress

Molti provider offrono anche hosting specifici per chi ha già deciso di voler sviluppare il proprio sito sfruttando il CMS WordPress. Questo tipo di hosting è assimilabile all’hosting condiviso ma il server viene configurato specificamente per WordPress e il sito viene fornito con plugin preinstallati per gestire ad esempio cache e sicurezza. Grazie alla configurazione altamente ottimizzata, il sito si carica molto più velocemente. I piani di hosting di WordPress includono spesso funzionalità extra correlate a WordPress, come temi WordPress, builder di pagine e strumenti di sviluppo specifici.

Il costo è spesso paragonabile allo stesso costo del normale hosting condiviso e come questo presenta la stessa facilità di gestione anche per un non sviluppatore. Inoltre questa scelta elimina il tempo a te necessario per installare WordPress e ne ottimizza le prestazioni.

Ma quanto costa un servizio di hosting?

hosting

Il costo di un hosting, come abbiamo detto, varia a seconda della tipologia di piano di cui abbiamo bisogno. Per un hosting condiviso (e un hosting WordPress) i prezzi oscillano tra i 25€ e i 75€ annuali; per una VPS si parte da pacchetti base al costo di 60€ annuali sino a soluzioni professionali che arrivano a costare più di 200€ annuali. 

Per le soluzioni dedicate i prezzi aumentano ancora: partendo da 200€ annuali per i piani base, i prezzi crescono decisamente per piani più avanzati, così come avviene nelle soluzioni Cloud il cui prezzo è però più difficile da stimare a causa della flessibilità di cui abbiamo detto.

Con una rapida ricerca ci si renderà conto che di hosting provider non c’è carenza. Quello che posso consigliarti è di essere sempre consapevole del tuo obiettivo. Potrai così selezionare alcuni di questi fornitori, confrontare i servizi offerti dai piani comparabili e, infine, ricordarti di pagare l’affitto!


Continua ad informarti

Dello stesso topic

Ti piace quello che hai visto?

Non lasciarti sfuggire il prossimo articolo!

Insieme alle news, ti inviteremo ai nostri eventi e webinar gratuiti|